Tag: campo concentramento

Diario di viaggio: Monaco di Baviera e Dachau

Mercatini di Natale a Monaco di Baviera
I mercatini di Natale di Marienplatz, Dachau e i surfisti dell’Eisbach

Monaco di Baviera. Stavolta è toccato ai mercatini di Natale a Monaco di Baviera.
Ormai siamo ufficialmente mercatinofili: tutto iniziò nel 2013. Volevamo vedere Parigi a Natale, siamo andati, ci abbiamo trovato dei fantastici mercatini natalizi e da allora non ci siamo più fermati. Porto, Bratislava e Vienna, Cracovia, Sofia e adesso Monaco di Baviera, in Germania.
Siamo praticamente pronti per fare una nostra classifica dei mercatini di Natale più belli e prima o poi arriverà. Intanto vediamo com’è andata nella capitale bavarese…

 

07/12 Roma – Monaco di Baviera

 

Partiamo da casa alle 7:45 per lasciare la macchina al solito parcheggio AltaQuota2 di Fiumicino. Prendiamo la navetta e alle 10:15 siamo in aeroporto per il nostro volo Vueling in partenza alle 11:20. Il biglietto è stato comprato il 20/09, appena uscita la newsletter promozionale per i voli invernali, ed è costato 85 Euro a persona.
Il volo fila liscio, atterriamo a Monaco di Baviera alle 13:10 e seguiamo le indicazioni con il simbolo verde della S-Bahn, la ferrovia che attraversa Monaco di Baviera e la collega alle località limitrofe.
I cartelli ci portano alla biglietteria dove compriamo un biglietto giornaliero, per tutti i mezzi pubblici (bus, metro, tram e ferrovia) e valido per un gruppo fino a 5 persone. Costa 24.30 Euro e se conviene a noi che siamo solo due immagino quanto sia utile a una famiglia, visto che una corsa singola in metro costa 2.60 Euro e il collegamento dall’aeroporto al centro 11.60 Euro a persona! Quindi sfatiamo il mito dei trasporti costosi, anzi, hanno un prezzo equilibrato perché funzionano e incentivano più persone insieme a usare i mezzi pubblici invece di quelli privati.
Dopo un tragitto di 40 minuti la nostra S-1 ci lascia alla stazione Donnersbergerbrucke, a soli 300 metri dall’hotel scelto per questo viaggio: Hampton By Hilton Munich City West
Abbiamo ragionato in maniera strategica: lontani dal centro storico e vicini a una stazione ben servita, ci passano ben 7 linee della S-Bahn. Ci bastano 3 fermate e meno di 10 minuti per arrivare nel cuore di Monaco di Baviera, si può fare.
Difatti subito dopo il check-in siamo già in Marienplatz e visto che abbiamo superato l’ora di pranzo, recuperiamo subito con un grande panino con salsiccia tradizionale bavarese e mostarda (4 Eu): ecco i mercatini di natale di Monaco di Baviera! L’atmosfera è incantevole: gli edifici severi, gotici e fiammeggianti del vecchio e nuovo municipio sovrastano decine di chalet di legno con i tetti a spiovente. La piazza che di solito ospita artisti di strada e band musicali è decorata per il Mercatino di Natale di Gesù Bambino. C’è tanta gastronomia: dolci, castagne, salumi, formaggi, vino caldo aromatizzato… e idee regalo: abbigliamento, decorazioni, saponi, candele, artigianato.
Diamo un’occhiata in giro, ci fermiamo a leggere le informazioni storiche sulla Colonna della Madonna, al centro della piazza, e sul quarto carillon più grande d’Europa, il Glockenspiel, posto sulla facciata principale del Neues Rathaus, il nuovo municipio. Da qui ci muoviamo verso l’adiacente Peterskirche, la chiesa più antica della città, chiamata affettuosamente dagli abitanti Alte Peter, vecchio Peter, perché esiste sin dalla fondazione di Monaco di Baviera.
La chiesa dista pochi metri dalla nostra prossima destinazione: Viktualienmarkt, il più antico mercato di generi alimentari di Monaco, attivo dal 1807. Tutti i giorni i commercianti vendono prodotti caseari, uova, pesce, selvaggina, frutta e verdura. Praticamente un mercatino di Natale perenne: in questo periodo è ancora più caratteristico e lo conferma il suo noto palo della cuccagna decorato per le feste, ma anche nel resto dell’anno non deve essere affatto male per atmosfera e genuinità 😉
Compriamo un grande brezel salato appena sfornato (0.55 Eu) e lo mangiucchiamo mentre ci spostiamo verso Frauenkirche, percorrendo l’ampia strada commerciale Kaufingerstrasse che sui lati ospita tanti negozi e al centro della carreggiata gli chalet del mercatino, esattamente  come avviene lungo la Sendlingerstrasse, l’altra strada che parte da Marienplatz. Si è capito: il mercatino non è proprio -ino, si estende su diversi isolati ma non è dispersivo. Il centro è tutto pedonale, a dimensione d’uomo e la passeggiata è sempre gradevole.
A metà percorso ci fermiamo a scattare foto ai noti campanili con cupola a cipolla di Frauenkirche, paralleli e alti 100 metri sono un simbolo della città che caratterizza lo skyline da secoli. La cattedrale che risale al 1488 è enorme, ospita fino a 20.000 fedeli e il nome del suo vescovo più noto lo conosciamo tutti: Joseph Ratzinger, Papa Benedetto XVI.
Torniamo sulla strada principale e continuiamo a camminare fino al termine, dove si trova Michaelskirche, una chiesa enorme le cui volte a botte sono inferiori solo a quelle della basilica di San Pietro a Roma! Qui c’è il miglior coro religioso della città che canta ogni domenica ma noi siamo fortunati perché entriamo nel momento esatto in cui fuori inizia a piovere e dentro cominciano le prove. Tutto esattamente come accadde durante il viaggio a New York: sarà un segno divino? 😉
All’uscita troviamo la temperatura molto più bassa, quindi ci scaldiamo con tre frittelle di patate con sour cream (5 Eu) e camminiamo fino alla Hofbrauhaus, la birreria storica più famosa di Monaco di Baviera e forse del mondo. Costruita nel 1589 è una delle sette fabbriche storiche di birra (HB), arredata con i classici tavolacci da Oktoberfest ospita fino a 3000 persone sotto le sue volte affrescate con motivi floreali. Purtroppo è tristemente nota anche perché qui, nel 1920, Hitler tenne un noto comizio nel quale enunciò i 25 punti fondativi del partito nazista.
La nostra idea iniziale era di fermarci a bere qualcosa qui ma la notorietà del luogo attira un mucchio di persone: non solo è difficilissimo trovare un posto ma c’è anche un baccano infernale con gruppi di turisti che seguono le istruzioni delle guide per prendere posto e assaggiare le specialità bavaresi. Non fa per noi, meglio cercare altro… 😉
Decidiamo di riprendere la strada e percorriamo la Maximilianstrasse, un sontuoso boulevard che lungo i suoi porticati ospita solo negozi di lusso con vetrine sfavillanti che espongono oggetti costosissimi. Ovviamente qui c’è molto meno traffico… 😉
Passiamo in rassegna un numero indefinito di gioiellerie e case d’alta moda, ammirando palazzi monumentali e il magnifico Teatro Nazionale. Poi, arrivati agli imponenti edifici del Residenz, sede del Palazzo Reale, rientriamo verso Viktualienmarkt dove troviamo chiuse le botteghe che avevamo individuato per cenare. Effettivamente in questa piazza lavorano tutti i giorni tutto l’anno e a fine giornata chiudono, non hanno a niente a che vedere con i mercatini di Natale che sono aperti fino a tardi.
Dobbiamo improvvisare un piano B e siccome siamo stanchi, è venerdì sera, sono le 20 e tanti ristoranti hanno la fila fuori, tentiamo di entrare senza prenotazione in un paio di locali piccoli e interessanti che ci respingono. Il terzo tentativo lo facciamo in un locale più grande che ci assegna un posto al volo e finalmente sediamo. Siamo da Bratwurstherzl, una bella birreria storica con arredi in legno, una grande brace a vista e un menù con piatti bavaresi e birre: proprio quello di cui abbiamo bisogno! Ordiniamo: schnitzel di vitello con insalata di patate e cetrioli, 8 salsiccette di Norimberga alla griglia con patatine fritte, birra Munich lager e dark da 0,5 e spendiamo 35 Eu.
Ora siamo accaldati ma fuori ci aspettano 2 gradi e la strada del ritorno in hotel, in una sola giornata ci siamo goduti il cuore di Monaco e nei prossimi giorni ci torneremo più volte: è bellissimo!

Quanto abbiamo camminato oggi? 8,4 km

 

08/12 Monaco di Baviera – Dachau

 

Alle 8:00 siamo in piedi per una grande colazione: salsicce, patate, bacon, waffle con miele e sciroppo d’acero, tisane, succhi, cereali, pane, marmellate e pure qualche croissant. Abbiamo bisogno di un carico energetico importante per affrontare la lunga giornata. Prima di uscire proviamo a prenotare il ristorante scelto per cena ma purtroppo risulta già pieno, in reception ci dicono che bisogna andare di persona e vedere se si è liberato qualcosa, il sabato è difficile trovare posto per la sera stessa.
Una volta fuori l’hotel andiamo in stazione e prendiamo il treno per il campo di concentramento di Dachau.
Come arrivare a Dachau da Monaco? Basta fare un normale biglietto XXL della S-Bahn, valido per tutto il centro città ma che comprende anche alcune località limitrofe, tra cui Dachau. Bastano 6 Euro per arrivare in questa zona e il biglietto continuerà a essere valido tutto il giorno per tutti i mezzi, decisamente conveniente.
Prendiamo la linea S2 direzione Peteransen e scendiamo alla fermata Dachau. Appena fuori la stazione c’è il bus 726 che porta al lager e ci sono anche precise indicazioni per raggiungere il campo a piedi. L’ingresso è libero tutti i giorni e non è prenotabile, bisogna solo vedere gli orari di apertura e chiusura perché potrebbero variare durante l’anno. Solo il sabato e la domenica sono previsti dei tour guidati in italiano alle 11:30 al costo di 4 Euro a persona. Questa e altre informazioni sono reperibili sul sito ufficiale del memoriale.
Dachau inizialmente doveva essere un campo di lavoro e di addestramento delle SS, la sua costituzione fu una delle prime iniziative di Hitler quando salì al potere. Per il fuhrer Dachau doveva rappresentare una sorta di modello per gli altri campi. All’inizio doveva servire come campo di rieducazione e lavoro per gli oppositori e, nella maniacale ricerca del perfezionamento, divenne una specie di prototipo su cui sperimentare il rigore della nuova dottrina politica nazionalsocialista. Una dottrina e una sperimentazione che venivano applicate a uomini e donne privati di libertà e dignità. Lo sappiamo bene com’è andata la storia: i nazisti persero il controllo di tutto, a cominciare dall’umanità. Seppur in scala contenuta a Dachau sono stati commessi gli stessi atroci delitti che macchieranno per sempre la coscienza della Germania e dell’Europa.
Ci sembra di essere tornati indietro nel tempo, quando visitammo Cracovia e Auschwitz, le sensazioni sono le stesse perché quello che vediamo a Dachau – seppur in proporzione minore – è identico a ciò che abbiamo visto in Polonia. Dalle camerate, alle storie narrate, dalle camere a gas ai forni crematori, tutto è drammaticamente identico: la prova evidente di uno sterminio scientifico, compiuto con assoluta determinazione e meticolosità.
Proprio come due anni fa, anche qui fa molto freddo e tira un vento gelido, seguiamo il percorso consigliato sulla mappa dell’audioguida che abbiamo ritirato al centro informazioni (4 Eu) e silenziosamente visitiamo i padiglioni del museo, la scultura in bronzo dedicata alle vittime dell’Olocausto, il perimetro di filo spinato elettrificato, il cancello d’ingresso con la macabra scritta Arbeit Macht Frei.
Terminiamo la visita alle 16:00, rientriamo verso Monaco di Baviera e prendiamo altri mezzi pubblici per raggiungere il complesso dello Schloss Nymphenburg dove arriviamo mentre il sole sta calando. Giusto in tempo per scattare qualche foto al tramonto di questo elegante castello barocco, la cui facciata imponente, lunga 700 metri, si riflette nei canali d’acqua che nel progetto originario dovevano servire per collegare i palazzi residenziali della nobiltà bavarese che si sarebbe spostata da uno all’altro in barca, fino a Dachau. Il progetto non fu portato a termine ma canali e laghetti artificiali ci sono tutti e valgono sicuramente qualche fotografia, specie al tramonto 😉
Qui sembra faccia ancora più freddo, quindi stiamo giusto il necessario prima di riprendere il tram per raggiungere Hauptbahnhof, la stazione centrale. Da qui prendiamo la metro per arrivare a Theresienwiese, la celebre spianata dove ogni anno da oltre un secolo si tiene l’Oktoberfest (per gli appassionati di birra: la festa si chiama così perché chiude sempre nel primo week end di Ottobre ma inizia tre settimane prima. Quindi, a dispetto del nome, gran parte della sagra si svolge a Settembre).
L’area fieristica riprende vita in questo periodo e diventa un altro grande mercatino di Natale. Dentro enormi tensostrutture ci sono artigiani, ristoranti etnici, spettacoli, concerti… e ovviamente tra un padiglione e l’altro ti puoi godere altri chalet per bere, mangiare e fare acquisti da mettere sotto l’albero. Dopo un lungo giro, prima di lasciare il grande prato, diamo uno sguardo all’imponente statua della Baviera e il Ruhmeshalle alle sue spalle, il pantheon delle personalità tedesche. Un tempio in stile neoclassico che raccoglie i busti scolpiti di esponenti dell’arte, della scienza, della letteratura, della politica che hanno dato lustro alla Germania nei secoli.
Torniamo alla metro e prendiamo la U5 fino alla stazione centrale per cambiare con la U1 e scendere a Rotkreutzplatz dove – guarda un po’ – troviamo un altro mercatino mentre stiamo cercando il ristorante scelto stamattina. Facciamo un giro rapido senza distrarci troppo mentre, guidati da Google Maps, proseguiamo altri 400 metri prima di entrare infreddoliti e affamati da Sappralott.
Per fortuna l’accoglienza è calda in tutti i sensi, forse abbiamo azzeccato l’orario perché ci assegnano subito un tavolo in una saletta tranquilla e ben riscaldata. Perfetto. Come perfetta sarà la cena, eletta a posteriori la migliore del viaggio: zuppa di gulasch, molto consistente, con carne, patate e pane; e una Munich schnitzel che consiste in due grandi filetti di manzo impanati con mostarda e rafano. Non solo, perché ordiniamo anche una specialità della casa: Sappralott Pfanderl, filetto di maiale con bacon grigliato servito con salsa di funghi su gnocchetti e insalata. Da bere due Augustiner 0,5 di cui una waiss. In totale spendiamo 35.30 Euro e usciamo dal locale rotolando per le porzioni giganti.
Tutto questo cibo calorico ci ha caricato le batterie giusto per tornare in hotel visto che ci raffredderemo molto presto: la temperatura è scesa due gradi sotto lo zero e ha iniziato anche a piovere!

Quanto abbiamo camminato oggi? 7,9 Km

 

09/12 Monaco di Baviera

 

Come ampiamente previsto dal meteo dei giorni scorsi, oggi la giornata non promette nulla di buono e dobbiamo organizzare un programma in base all’intensità della pioggia. Ma non sarà un problema perché sulla guida sono indicati tutta una serie di suggerimenti e luoghi da visitare in caso di brutto tempo: a quanto pare è un fenomeno atmosferico frequente da queste parti.
Approfittiamo di una tregua mattutina dopo il temporale della notte per raggiungere il gigantesco parco cittadino English Gartner, uno dei più grandi al mondo con ben 78 chilometri di sentieri, e vedere i surfisti di città cavalcare l’onda perpetua del fiume Eisbach.
Avevamo letto che qui i surfisti ci sono a qualsiasi ora del giorno e con qualsiasi condizione meteo ma abbiamo pensato si trattasse di una quelle esagerazioni da guida tascabile e invece no! Quando arriviamo sul posto, nonostante un violento acquazzone e un freddo polare, troviamo una decina di surfisti in muta integrale che si lanciano uno alla volta sull’onda cittadina. Caduto uno, avanti un altro! Lo spettacolo ovviamente non è esaltante, specie per chi vive al mare, però è curioso.
Siccome siamo usciti senza muta decidiamo che non è il caso di provare e soprattutto di restare sotto la pioggia, quindi proprio davanti il ponte sull’Eisbach prendiamo il bus 100 per raggiungere il Deutsches Museum.
Questa linea attraversa la lunga strada su cui affacciano i principali musei di Monaco di Baviera, così sono tutti collegati e in caso di pioggia si può passare da uno all’altro in modo facile e senza bagnarsi.
Il Deutsches Museum è il museo della scienza e della tecnologia più grande del mondo, con oltre 28.000 oggetti esposti. L’ingresso costa 12 Euro e su sette piani si possono ammirare tutti i progressi e le scoperte dell’uomo, dall’agricoltura alla conquista dello spazio.
I piani più belli sono quelli della nautica e dell’aviazione, con enormi modelli di navi e aerei, per il resto ci è sembrato datato e poco interattivo rispetto ad altri musei simili visti in altre città, come Parigi e Valencia. Molto interessante il bookstore all’uscita, più che altro per avere qualche idea per fare un regalo originale, rigorosamente da cercare su Amazon e pagare la metà! 😉
Siamo stati abbastanza al chiuso, è tempo di uscire di nuovo e tornare a Marienplatz per l’ultimo giro al mercatino di Natale. Purtroppo piove ancora, pertanto facciamo un blitz a colpo sicuro e per i parenti collezionisti compriamo una pallina per l’albero di Natale e una t-shirt della città (24 Eu). A missione compiuta ci rilassiamo in uno chalet e mangiamo un brezel salato accompagnato da vino rosso caldo con ciliegie, e vino bianco aromatizzato all’arancia. Dopo la degustazione portiamo con noi i bellissimi boccali del buon ricordo (15 Eu).
Dopo questo sostanzioso aperitivo siamo pronti a raggiungere il ristorante scelto per cena, mentre siamo sul bus ci viene il sospetto che possa essere chiuso visto che la domenica molti esercizi non aprono (anche i centri commerciali). Facciamo una rapida ricerca su TripAdvisor e scopriamo che è proprio così! Scendiamo al volo dal bus e la fortuna torna a sorriderci perché l’alternativa che abbiamo scelto nei giorni scorsi è proprio vicino alla nostra fermata improvvisa, tanto che la raggiungiamo a piedi.
Non solo, perché Wirtshaus Eder è anche vicino al nostro hotel, così tanto che vediamo la sua torre a occhio nudo e dopo cena lo raggiungeremo con una passeggiata.
Personale gentile, locale bello, caldo, accogliente e soprattutto vuoto: quello che ci voleva dopo il caos del weekend, si vede proprio che è domenica.
Ordiniamo una birra rossa e una chiara da 0,5 e da mangiare Bayrisch Gröstl, straccetti di maiale arrosto su letto di gnocchi di pane, patate e cipolle, servito con un’insalata mista; e Blut-und Leberwurst: un gusto un po’ più estremo ma decisamente tipico. Una salsiccia bianca e una nera, molto spesse, con impasto tritato fino e bollito. La consistenza è quella di un budino insaccato, e gli ingredienti? La salsiccia scura è fatta con sangue e grasso di maiale, la bianca con il fegato. Tutto servito con patate lesse e mostarda. Impegnativo per vista, gusto, olfatto ma ce l’abbiamo fatta. Lasciamo sul tavolo 33.80 Euro e rientriamo in hotel con il pieno di calorie e una riserva di ferro per i prossimi cinque anni 😉

Quanto abbiamo camminato oggi? 10 km

 

10/12 Monaco di Baviera – Roma

 

L’ultimo giorno ce la prendiamo comoda, l’aereo parte nel primo pomeriggio e abbiamo tutto il tempo per fare colazione con calma e poi una spesa al supermarket sotto l’hotel. Resta sempre questo il modo migliore per portare a casa qualche sapore locale: compriamo preparati per gulash, salsicce bavaresi (non di sangue e fegato!) sottovuoto, cioccolatini  Mozartklugen ripieni di marzapane e una confezione di Tuc (15 Eu).
Andiamo verso la stazione, compriamo il biglietto singola corsa per l’aeroporto (11.60 Eu) e dopo un ultimo giro nel duty free possiamo dire che i prezzi di molti articoli sono identici a quelli trovati in centro e nei mercatini: t-shirt, boccali, calamite, dolci, birre… sì, i souvenir più classici si possono comprare anche in aeroporto!
Che dire: sono tornato a Monaco di Baviera dopo 23 anni e l’ho trovata ancora più bella e ben organizzata. Stavolta l’Oktoberfest non c’entrava niente, i gusti cambiano e i mercatini di Natale sono stati decisamente convincenti. Li abbiamo messi sul podio insieme a quelli di Cracovia e Vienna. Ora dobbiamo decidere in che posizione, ci penseremo durante il 2019. Auguri! 

Ma alla fine, quanto abbiamo camminato? 30 km

 

Note
Hotel prenotati su Booking
Guida di riferimento: Monaco di Baviera disponibile su Amazon
Libro letto su Kindle: Al servizio di Adolf Hitler di S.V. Alexander

Diario di viaggio: Cracovia e Auschwitz

Cracovia, Auschwitz e la miniera di sale di Wieliczka
Un viaggio, tre luoghi: Cracovia, Auschwitz, Wieliczka (miniera di sale)

 

Ci piace viaggiare e questo si era capito. Ma da qualche anno abbiamo scoperto il gusto di viaggiare nel periodo natalizio alla scoperta dei mitici mercatini di Natale.
Cerchiamo luci, colori, allestimenti, atmosfere e soprattutto cibo di strada: ebbene sì, i mercatini saranno anche belli, caratteristici per i souvenir e l’artigianato, ma sono soprattutto buoni!
E così, dopo Parigi, Porto, Bratislava e Vienna, è il turno di Cracovia: un’ottima scelta, una bellissima città, sicuramente da visitare anche in altri periodi dell’anno.

 

06/12 Roma – Cracovia

 

Partiamo da casa alle 8:00, abbiamo l’aereo alle 11:30 e arriviamo all’aeroporto di Roma Ciampino puntuali, dopo aver lasciato l’auto al nostro solito parcheggio a lungo termine: Altaquota (20.70 Euro, ora accettano il pagamento online e si risparmia un po’). Il volo Ryanair è stato prenotato l’8 Settembre, quindi tre mesi prima, perché in un precedente tentativo abbiamo notato che i prezzi dei voli per Cracovia “decollano” facilmente. Noi ce la siamo cavata con 82.50 Euro a persona.
Viaggiamo leggeri, veloci, con carte d’imbarco sullo smartphone e il solo bagaglio a mano, così subito dopo l’atterraggio, alle 13:30, siamo fuori l’aeroporto in attesa del nostro autista Uber prenotato dall’app che ci accompagna in hotel in 20 minuti per soli 6 euro.
Facciamo check-in, diamo uno sguardo nella nostra bellissima stanza che affaccia sulla Vistola e lasciamo subito il Niebieski Art Hotel & Spa per andare alla scoperta di Cracovia. L’impatto è molto particolare, perché fa un freddo boia e nevica, fenomeno che per noi che proveniamo dal mare ha sempre un fascino particolare. A piccole dosi però! 😉
La prima tappa la facciamo allo sportello di un bancomat per cambiare gli Euro: la moneta della Polonia è lo zloty (Zl) e bisogna fare un po’ di esercizio per la conversione. In totale cambiamo 120 Euro (tasso: 1 € = 0.23 Zl), così mettiamo in tasca 500 zloty (incluse commissioni) per le nostre spesucce.
Infiliamo guanti, cappelli e cappucci impermeabili e continuiamo a percorrere il lungo rettilineo che dall’hotel ci porta dritti in centro. La nostra prima visita è la Basilica di San Francesco: buia e spettrale, è piena di persone che pregano a lume di candela. Molto suggestiva, è famosa per i suoi interni decorati e per le vetrate policrome che però non riusciamo a godere completamente, un po’ perché fuori nevica e il cielo è coperto, e un po’ tanto perché in questo periodo dell’anno il sole tramonta verso le 15:30… quindi manca l’ingrediente fondamentale per ammirare le vetrate artistiche dall’interno: la luce! 🙂
Una volta fuori imbocchiamo l’antistante Bracka, una delle strade principali che sbucano nel cuore del centro storico: Rynek Glowny, l’antica piazza del mercato caratterizzata dalle sagome della torre del municipio, della basilica di Santa Maria con i suoi due campanili diversi, dell’imponente stabile del fondaco dei tessuti, e circondata dalle facciate decorate di sontuosi palazzi monumentali. Una piazza così bella doveva essere per forza Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO (1978). La vista d’insieme è resa ancora più gradevole dall’invasione colorata del mercatino di Natale.
Non ci lasciamo distrarre da suoni e profumi che arrivano da tutti gli angoli e procediamo dritti verso la basilica, dotata di due ingressi: uno gratuito, accessibile per la preghiera e una visione parziale della chiesa e l’altro a pagamento, per ammirare meglio le cappelle interne e la pala d’altare più celebre della città.
I biglietti si fanno all’esterno, nella piazzetta adiacente, e vale la pena spendere i 10 zloty (2.25 Euro) per osservare da vicino il capolavoro di Veit Stoss: un imponente polittico in legno di dimensioni ciclopiche posto sopra l’altare. Immaginate cosa può venir fuori da un lavoro meticoloso durato ben 10 anni!
Al termine della visita la nevicata è ancora in corso e inizia a lasciare i suoi segni: la piccola piazza Mariacki, posta sul fianco della basilica, è ormai imbiancata e l’attraversiamo rapidamente per raggiungere la chiesetta di Santa Barbara che all’esterno ha una piccola acquasantiera che contiene… un blocchetto di ghiaccio! 🙂
Entriamo a dare uno sguardo ma re(si)stiamo pochissimo perché dentro c’è una puzza tremenda: pensiamo che il tappeto all’ingresso, complice l’umidità, abbia iniziato a rilasciare miasmi inevitabili, poi man mano che leggiamo la guida e apprendiamo che la cappelletta è posta sopra un antico cimitero, ci diamo una personalissima spiegazione che ci costringe a uscire fuori per ridere liberamente. La stanchezza inizia a fare brutti scherzi, ci fa bene prendere un po’ d’aria fresca e visto che stanno per scoccare le 18, ci fermiamo per ascoltare lo heinat. Ogni ora dal campanile principale della Basilica, un trombettiere suona una breve melodia per quattro volte, una per ogni punto cardinale. La tradizione pare sia legata a una serie di leggende antiche che risalgono anche a otto secoli fa, ma la versione più amata è quella narrata negli anni ’20 da Eric Jelly nel libro per bambini The Trumpeter of Krakow, da scoprire! 😉
Ok, l’impatto culturale c’è stato ed è stato soddisfacente. Ora è tempo di esplorare le bancarelle del mercatino di Natale, specialmente perché sembra che il cibo di strada sarà protagonista assoluto e visto che siamo in ora da aperitivo assaggiamo subito gli oscypek, delle scamorzine affumicate grigliate sulla brace. Ne prendiamo una semplice (che servono anche accompagnata da confettura di mirtilli) e una avvolta in una strisciolina di bacon, decorata in cima con una prugna (9.50 Zl, 2.15 Eu). Ottimo inizio che ha aperto una voragine nello stomaco, così rimediamo subito con una gran fetta di pane casareccio tostato, spalmato di lardo e guarnito con salsiccia (13 Zl, 2.90 Eu): ora sì che possiamo andare a cena! 🙂
La nostra esplorazione sarà più dettagliata nei giorni successivi, ora siamo stanchi e rientriamo verso l’hotel, stavolta in tram. I collegamenti di Cracovia sono molto buoni ed economici, la città è servita da bus e tram, i biglietti si possono fare a bordo o alle fermate, dotate sempre di pensiline e tabelloni digitali con gli orari di arrivo previsti: al termine del viaggio constateremo di aver preso molte volte i mezzi pubblici e hanno sempre reso un ottimo servizio.
Il nostro biglietto da 2.80 Zl (0.60 Eu) dura 20 minuti e in meno della metà del tempo ci porta fino al capolinea Salwator, a pochi metro dal nostro albergo.
Abbiamo già scelto in Italia dove cenare stasera, quindi saliamo in hotel solo per lasciare gli zaini e orientarci senza prendere freddo in strada (-4 gradi!). L’operazione richiede pochissimo tempo perché Golonkarnia, il ristorante individuato per la prima cena polacca, è letteralmente a due passi da noi. Fuori dal centro, ottime recensioni, pochi posti a sedere, specialità locali, in pratica ha caratteristiche perfette per rispondere alla domanda: dove cenare a Cracovia? 🙂
C’erano solo altre due persone del posto, forse anche per via della musica proposta: dei pessimi remix di grandi singoli della musica internazionale, eseguiti probabilmente con la diamonica Bontempi, degne basi del peggior karaoke abusivo di tutto l’Est Europa. Ma poco importa, perché la nostra attenzione era già dedicata al menù, pratico ed essenziale, che ci ha aiutato a scegliere facilmente. Abbiamo ordinato la specialità della casa: ginocchio di maiale macerato in birra e cotto nel forno a legna, servito con rafano, cetriolini e un quarto di pane. E poi un altro piatto locale, dietro suggerimento d’eccezione della mia amica Slawka G. Scarso: pierogi, ravioli di carne conditi con cipolle croccanti. Eravamo affamati come lupi eppure non siamo riusciti a finire tutto il ginocchietto! Porzione enorme, i saggi ragazzi del posto che cenavano alle nostre spalle ne hanno ordinato uno solo da dividere e hanno fatto bene. Siamo rimasti molto soddisfatti della resa e del sapore dei piatti ordinati, per non parlare del conto: solo 93 Zl (20.50) incluse due belle birre 0.5 non pastorizzate.
Siamo solo al primo ristorante provato ma siamo già molto soddisfatti, lo candidiamo subito per la cena finale ma questa possibilità si rivelerà un’illusione: l’isolamento e la musica discutibile ci ha fuorviato, il locale è vuoto soltanto perché è martedì. Nei giorni successivi sarà impossibile trovare un tavolo libero, sia passando di persona con netto anticipo sia facendo chiamare dall’hotel. Quindi se volete provare il golonka migliore di Cracovia, il consiglio è di prenotare sempre, anche un paio di giorni prima.
Ok, si va a dormire presto ché domani sarà una giornata intensa. Sotto tutti i punti di vista.

Quanto abbiamo camminato oggi? 7 km

 

07/12 Cracovia – Auschwitz

 

Giornata molto lunga, sveglia puntata alle 7:00 per una maxi colazione che dovrà darci energie per molte ore. Alle 8:30 siamo in strada, fa freddissimo quando prendiamo il tram 2 fino a Dworzec Glowny, la fermata di riferimento per la stazione dei bus (e dei treni) di Cracovia che raggiungiamo passando attraverso l’enorme shopping center Galeria Krakowska.
Oggi abbiamo programmato una visita al museo-memoriale di Auschwitz-Birkenau, il più famigerato campo di concentramento e sterminio della Germania nazista.
Come raggiungere Auschwitz da Cracovia? Non è propriamente una passeggiata, quindi programmate per tempo la visita e i collegamenti per arrivarci. In città diverse agenzie propongono l’escursione a/r in giornata ma noi abbiamo preferito la visita individuale, organizzata online. Da notare! La località Auschwitz ha ripreso il suo nome polacco di Oswiecim e molte indicazioni fanno riferimento a questa sintassi e non a quella per noi più nota, anche sui tabelloni dei mezzi pubblici.
Auschwitz dista circa 70 chilometri e si può raggiungere in bus e treno con un viaggio di un’ora e mezza, noi abbiamo scelto il bus perché ce ne sono di più e perché ti lascia davanti al cancello d’ingresso mentre il treno ferma a 1.5 km dal sito. La compagnia con il maggior numero di collegamenti è Lajkonik, noi abbiamo preso il biglietto per la partenza delle 9:40 al costo di 14 Zl (3.20 Eu).
L’ingresso al campo è gratuito e i biglietti sono stati prenotati sul sito ufficiale, ci sono diverse formule per entrare (gruppi, individuali, giornata-studio, con guida, ecc…) e bisogna scegliere anche in base alle disponibilità: gli ingressi sono scaglionati per fasce orarie e variano molto in funzione del periodo dell’anno: controllate sempre bene prima di prenotare perché durante l’inverno il museo potrebbe essere aperto solo mezza giornata.
Prima di entrare nel lager ci sono da superare dei controlli di sicurezza e le borse con dimensioni superiori a 30x20x10 cm devono essere obbligatoriamente lasciate al guardaroba (3 Zl, 0.70 Eu).
Il nostro viaggio è filato liscio e alle 11:20 siamo pronti a iniziare la nostra visita come previsto dall’orario prenotato, la prima mazzata arriva al cancello dove l’immagine vivida dell’arco in ferro battuto che recita Arbeit macht frei  (il lavoro rende liberi) ci accoglie in tutta la sua freddezza.
Poi inizia un viaggio indietro nel tempo che si ferma a solo 70 anni fa, quando l’uomo è diventato una bestia: un carnefice spietato di altri essere umani, dove il male assoluto ha preso forma e ha seppellito un milione e mezzo di uomini, donne, bambini. Ci sono parole migliori delle mie per descrivere i dettagli, ci sono commentatori più autorevoli di me per leggere e apprendere quel pezzo di storia, quel buco nero nel cuore della millenaria civiltà europea. Quindi ridurrò al minimo le mie impressioni personali, peraltro il linea con la filosofia di questo blog, e mi limiterò a stimolare e promuovere questa visita a tutti coloro che avranno la fortuna di visitare Cracovia.
In base alla vostra sensibilità, età, esperienza, voglia di capire, programmate una visita in questo memoriale e – al netto dell’impatto emotivo – ne uscirete sicuramente più forti e informati. Vedrete davvero ciò che avete visto sui libri e al cinema, vedrete i recinti elettrificati, le torrette di guardia, i fili spinati, i dormitori, le condizioni di prigionia, i muri delle esecuzioni, i patiboli, le camere a gas e i crematori. Tutto è com’era, per non dimenticare.
La visita passa in rassegna tutti gli spazi del campo, dall’infermeria ai padiglioni dedicati alle varie nazioni che hanno subito le deportazioni organizzate dei propri civili, con documenti storici, fotografici, filmati per rinnovare la memoria di tutti, per testimoniare ciò che è avvenuto davvero, ciò che nessun revisionismo può mettere in discussione senza ridicolizzarsi e offendere.
Alle 14:00 usciamo e prendiamo la navetta per Birkenau, il campo satellite a pochi chilometri da Auschwitz, e quando arriviamo ci resta un’ora di tempo per la visita perché chiuderà alle 15:30. Ero stato a Dachau anni fa, e quindi ero già pronto su quanto avrei visto ad Auschwitz, ma Birkenau no. Birkenau mi ha impressionato, ha aggiunto stupore all’orrore: le dimensioni, l’organizzazione metodica, scientifica, raggiungono apici inimmaginabili. Il campo è talmente vasto che non si capisce dove finisca, impieghiamo 20 minuti per andare dall’ingresso al monumento internazionale per le vittime dell’Olocausto, posto al centro tra i ruderi dei crematori, lasciati in macerie così come erano stati ridotti ai tempi della Liberazione, come un monito. Siamo circondati da un paesaggio ostile, freddo, il campo ha una superficie così grande che i gruppi di persone in visita si disperdono e puoi ritrovarti isolato, circondato dal silenzio. Seguiamo i binari percorsi dai treni carichi di persone impaurite che nell’ultima fase della soluzione finale non venivano neanche più schedate, raggiungevano direttamente le camere a gas. Fa freddo, c’è la neve, immaginiamo i prigionieri costretti all’aperto in condizioni disumane, mentre soffriamo noi che siamo coperti e ci muoviamo liberamente; siamo privilegiati, e per quanto predisposti a raggiungere un altro livello di comprensione, alla fine mi rimbombano in testa le parole di un sopravvissuto: “Voi non sapete, voi non potete neanche immaginare…”. Vero, io non posso neanche immaginare cos’è stato.
Esperienza forte, senza dubbio. Le riflessioni continuano anche sul bus che ci riporta a Cracovia, dove arriviamo alle 18:15.
Prima di cena ci rilassiamo un po’ in camera e ci scaldiamo nella sauna e nell’hammam della spa, alle 20:00 siamo di nuovo in strada per prendere il tram e scendere alla fermata del Teatro Bagatel. Da qui imbocchiamo la Sw Anny per raggiungere la piazza centrale da un ingresso differente da ieri, e ammirare l’imponente facciata barocca della chiesa di Sant’Anna. Quando sbuchiamo in Rynek Glowny ci troviamo di fronte la Torre del Municipio con tutti i suoi 70 metri di altezza impreziositi da ologrammi che riproducono fiocchi di neve e decorazioni natalizie. Se si aggiungono le principesche carrozze bianche trainate da cavalli massicci che sbuffano vapore dalle narici, sembra di essere in una fiaba antica.
Questa sera si cena in strada senza timore del freddo, quindi ci immergiamo completamente nei profumi che invadono tutta la superficie del mercatino di Natale e iniziamo a fare la nostra selezione per scegliere dove fermarci. Dopo un accurato sopralluogo, ci sediamo a un tavolo e andiamo a fare rifornimenti: pierogi ripieni di lenticchie, pomodori secchi e aglio selvatico (7.50 Zl, 1.70 Eu) e poi passiamo alla carne con un maxi spiedino di maiale e una grande salsiccia con patate al forno (52 Zl, 11.80 Eu). Nota di merito per lo spiedino, semplicemente meraviglioso. Dopo aver riempito lo stomaco prendiamo un bicchiere di vino rosso caldo (8 Zl, 1.80 Eu).
C’è davvero di tutto: artigianato, fiori, dolci, vestiti, oggetti in legno, ceramica, cera, vetro… scattiamo ancora qualche foto prima di rientrare in hotel in tram, la giornata è stata molto lunga e siamo provati da tutte le cose viste e quelle fatte: una notte di sonno al caldo ci aiuterà sicuramente a ricaricare le batterie.

Quanto abbiamo camminato oggi? 11 km

 

08/12 Cracovia

 

Ci svegliamo con tutta calma dopo nove ore di sonno e facciamo una ricca colazione ancora più ricca del giorno prima: brioche, muffin, nastrine con marmellata, toast imburrati, bacon, uova, salsicce, ananas, melone, muesli, smoothies e succhi di frutta. Proprio quello che ci voleva per la giornata che dedicheremo a due zone di Cracovia: la collina del Wawel e Kazimierz.
Per quanto la temperatura sia sempre rigida, 4 gradi, oggi c’è un gran sole e decidiamo di camminare seguendo la pista ciclabile che affianca il percorso del fiume Vistola: una passeggiata molto suggestiva, a contatto con tantissimi cigni che si avvicinano tranquillamente, abituati alla presenza umana. Dopo qualche centinaio di metri, dove il fiume curva in un’ansa, si staglia davanti a noi il Wawel: la collina simbolo dell’intera Polonia, sede del castello che ha celebrato l’incoronazione di molti sovrani e che ancora oggi, all’interno della sua cattedrale, ospita le spoglie dei più illustri politici polacchi.
Torniamo sulla strada principale e iniziamo la salita verso la cima, attraversiamo le massicce mura, superiamo la statua equestre di Tadeusz Koscuiszko ed entriamo dalla porta principale oltre la quale c’è l’ampio cortile del complesso fortificato. Gli edifici che affacciano su questo grande prato ci ricordano molto la spianata delle cattedrali ammirata all’interno del Cremlino, durante il viaggio a Mosca e San Pietroburgo.
La visita di tutti gli spazi esterni è gratuita, mentre è necessario un biglietto per accedere alle sale del castello e della Cattedrale. Armati di mappe e guida, facciamo il punto della situazione e ci dirigiamo in biglietteria per fare il ticket cumulativo per gli ambienti che desideriamo vedere.
La nostra preferenza cade sul complesso religioso: il biglietto per la Cattedrale del Wawel costa 12 Zl (2.70 Eu) e include l’accesso alla chiesa, alla cripta, al campanile e al museo della chiesa oggi intitolata a Giovanni Paolo II. Il culto per il Papa polacco che conosciamo bene è molto sentito, un po’ ovunque si trovano foto, statue, cimeli e targhe che ricordano il suo passaggio. Soprattutto nel museo c’è un’intera sala a lui dedicata che a noi italiani risulterà piuttosto, diciamo così, famigliare: la copia commemorativa della prima pagina dell’Osservatore Romano uscita nel giorno della nomina a Capo della Chiesa, oppure le scarpe fatte a mano da artigiani italiani, ci faranno sentire un po’ a casa 😉
La nostra visita della cattedrale è iniziata dal basso verso l’alto: siamo partiti dalle cripte sotterranee dove riposano molti reali e altre personalità politiche e artistiche della storia polacca, come per esempio il pianista e compositore Chopin, oppure il presidente Lech Kaczyński e la moglie, morti nel 2010 in un incidente aereo insieme a buona parte del governo, una storia sordida che nelle indagini ha sviluppato alcuni retroscena da spy-story.
L’esperienza più bella che offre il biglietto cumulativo è l’ascesa del campanile, un percorso da fare lungo ripide scale di legno e intervallato dai pianerottoli che ospitano campane in bronzo sempre più grandi man mano che si sale: ognuna ha un nome e qualche dato relativo alle dimensioni. La cosa più impressionante è ovviamente il peso, nell’ordine delle decine di tonnellate.
In uscita dalla collina si potrebbe attraversare la grotta del drago Smok, un drago cattivo divenuto una sorta di mascotte per la città. La grotta d’inverno è chiusa, quindi prendiamo un sentiero per tornare al livello del fiume, ci fermiamo per uno spuntino all’aperto e poi riprendiamo il cammino verso il quartiere ebraico di Kazimierz.
Qui sono state girate diverse scene del film Schindler’s List, perché era in stato di abbandono da molto tempo e poteva offrire una ricostruzione più fedele del ghetto di Varsavia rispetto alla capitale stessa, molto rimaneggiata dopo la guerra. Come per magia, da quando agli inizi degli anni ’90 Steven Spielberg ha iniziato i sopralluoghi e successivamente ha girato il suo premiatissimo film, il quartiere ha vissuto una completa rinascita e oggi è una delle zone più trendy e vive di Cracovia.
Il nostro tour ci ha portato a cercare tre sinagoghe: la prima è quella di Remuh, con il suo cimitero antico visibile dall’esterno, che però troviamo chiusa; la seconda è la sinagoga Alta, chiamata così perché la sala di preghiera è al secondo piano e infine quella di Isacco. Giusto due note su queste ultime: trovare la sinagoga Alta non è stato semplicissimo perché le facciate di questi luoghi di culto non sono sfarzose e, questa in particolare, sembra addirittura un palazzo abbandonato. Si entra da un libreria ebraica che pare sia la migliore di Cracovia, il biglietto cosa 9 Zl (2 Eu) e al piano superiore c’è una mostra fotografica in una stanza quasi completamente spoglia, se non fosse per alcuni resti di decorazioni stuccate. Invece la sinagoga di Isacco – la più grande di Cracovia – costa 7 slot (1.60 Eu) ed è sicuramente in condizioni migliori della precedente, grazie ad alcuni recenti restauri, ma anche qui non sento di poter descrivere qualcosa di particolarmente emozionante. Diciamo che il quartiere vale una visita, per le sue viuzze, i negozietti, i caffè; una passeggiata a Kazimierz va fatta ma, diciamo così, l’ingresso nelle sinagoghe non è obbligatorio 😉
Una volta rientrati sulla strada principale prendiamo al volo un tram diretto verso la piazza centrale, dove facciamo a colpo sicuro i primi acquisti nel mercatino di Natale che ormai conosciamo benissimo: compriamo un rompicapo in legno e miele locale di colza, tiglio e melata di conifere. Notiamo che in giro c’è molta più gente, probabilmente perché è iniziato il ponte dell’8 dicembre.
Raggiungiamo il Fondaco dei Tessuti, il lungo porticato coperto al centro della piazza che un tempo ospitava le botteghe dei mercanti di stoffe e oggi raccoglie negozietti di souvenir che hanno prezzi medi più alti rispetto alle bancarelle esterne. Come facciamo sempre, dopo il confronto prezzi dei giorni precedenti, entriamo nel negozio che abbiamo individuato come il più conveniente (bene o male i souvenir da acquistare sono sempre quelli) e mettiamo insieme una spesa unica. La scelta è caduta su Ziomek e negli zaini sono finiti: sportina, t-shirt, palle di Natale, agendina, fermagli, shottini, magneti da frigo e altre cianfrusaglie per un totale di 109 Zl (24.70 Eu).
In attesa di cenare, cerchiamo lo storico locale Piwnica Pod Baranami per fare un aperitivo: la classica birreria sotterranea di Cracovia. Si entra da un palazzo che sta sulla piazza del mercato (di fronte la Torre del municipio), si riconosce facilmente perché ha delle grandi teste di ariete scolpite sull’architrave del portone. L’atmosfera all’interno è molto informale, non ci sono camerieri a servire: si prende posto, si fa la fila alla cassa, si paga e si porta al tavolo. Tutto molto vintage, come si usa (anche troppo) da qualche anno. Quindi sedie zoppe, tappezzerie rotte, tavoli traballanti, cera colata e muri “polverosi”… per usare un eufemismo. A piccole dosi, si può fare: ordiniamo una birra media chiara, vino caldo alla cannella e un po’ di noccioline (23 Zl, 5.20 Eu). Grazie al wi-fi aperto ci connettiamo per trovare il prossimo ristorante da visitare e la scelta ricade su Czarna Kaczka – The Black Duck dove ci presentiamo senza prenotazione. Male, molto male. Il ristorante è pieno e il cameriere, Philippe, manda indietro tante persone, anche noi. Ma si vede che gli siamo simpatici, perché ci dice di tornare dopo 45/50 minuti, salvo poi darci un tavolo dopo 20 minuti in buona parte passati a parlare con lui, delle sue origini franco-polacche e del suo anno sabbatico da spendere proprio a Cracovia per conoscere meglio le sue radici. Philippe ha fatto un miracolo perché non avrebbero accettato prenotazioni per i prossimi due giorni! E noi, fame nera del momento a parte, eravamo intenzionati ad assaggiare la specialità dello chef: l’anatra, cucinata praticamente in tutti i modi.
Il locale è accogliente, caldo, piccolino (è praticamente la sala colazione dell’hotel adiacente) e con un menù ben concentrato sui piatti della tradizione polacca: sul nostro tavolo finisce una mezza anatra alla brace con salsa di mirtilli e patate fritte; e un bell’arrosto di maiale con cumino e vino rosso servito su pane tostato. Tutto accompagnato con patate al forno e due birre 0.5 bionde (Tyskie anche qui, come dagli altri). Abbiamo mangiato benissimo e alla fine ci hanno offerto una vodka alla ciliegia, leggera, più simile a un liquore, che ci è piaciuta moltissimo e ha addolcito ancora di più il conto di 105 slot (23.80 Eu).
Torniamo in hotel ancora una volta soddisfatti della città, delle cose viste, del cibo… se non fosse per ‘sto freddo! 😀

Quanto abbiamo camminato oggi? 12,7 km

 

09/12 Cracovia – Wieliczka (miniera di sale)

 

Oggi abbiamo in programma un’escursione alle miniere di sale della vicina Wieliczka, un altro sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Sono ben pubblicizzate e le conoscevamo ancor prima di partire, forse per questo c’era qualche aspettativa in più… ma non voglio essere troppo severo sul giudizio finale! Diciamo che sarò piuttosto sbrigativo nella descrizione di questa esperienza perché, diplomaticamente parlando, ho apprezzato di più Cracovia e sono un po’ dispiaciuto di aver lasciato cose da vedere a vantaggio di questa gita fuori porta.
Come arrivare alla miniera di sale? Noi ci siamo andati in treno, sono solo 13 chilometri di distanza e ci vogliono circa 25 minuti. Il biglietto costa 3 Zl (0.70 Eu).
Siamo partiti dalla stessa stazione di due giorni fa, Krakow Glowny, solo che stavolta c’è un bel sole e quindi ci siamo arrivati a piedi facendo una passeggiata dalla piazza centrale del mercato, che abbiamo visto per la prima volta con la luce diurna, e poi superando le mura difensive e Porta Floriana.
Dopo uno spuntino salato da Awiteks saliamo sul treno delle 14.10 (ce ne sono moltissimi) e una volta a destinazione seguiamo le chiare indicazioni per raggiungere l’ex miniera. Siamo già in possesso del biglietto, acquistato online sul sito ufficiale: l’ingresso costa ben 84 Zl (19 Eu) – una cifra molto alta rispetto ai prezzi visti finora in Polonia – e bisogna scegliere un orario di accesso tra quelli disponibili, perché si può entrare solo in gruppo (35 persone) e per questioni di sicurezza non sono previste visite individuali.
Si può anche scegliere la lingua parlata dalla guida ma nel nostro orario non c’era l’italiano e quindi ci accodiamo a un gruppo inglese; alle 15.00 in punto inizia la visita con la vertiginosa discesa di 400 gradini in legno su una struttura elicoidale che porta a circa 90 metri di profondità. Il punto più profondo è a -135 metri e sarà toccato nel corso della visita che dura un paio d’ore, inclusa una complessa procedura di uscita, dopo aver percorso 3 chilometri di tunnel. La temperatura media è sui 15 gradi e non si registrano presenze di animali strani 🙂
Come anticipavo: non mi soffermerò molto sui particolari, la guida era molto simpatica, aveva un buon copione che permetteva di interagire con il pubblico e dava informazioni didascaliche e curiose. Nonostante ciò non siamo riusciti ad appassionarci! Hanno fatto un ottimo lavoro di conversione del sito, davvero, però non ho trovato gli spunti giusti per un’esperienza memorabile: il prezzo del biglietto vale giusto per la visione d’insieme dell’enorme Cappella di Santa Cunegonda, con i suoi maestosi lampadari, i bassorilievi e l’altare interamente scolpiti nel sale; poi molto impressionanti sono le travi massicce che sostengono le gallerie e un paio di laghetti sotterranei ben illuminati che mettono in risalto l’acqua verde per l’alta concentrazione di sale. Tutto qui. Il resto è un po’ di fuffa, qualche manichino e carrello da miniera arrugginito e poco più. Cioè, non è neppure detto che ai bambini piaccia sicuramente questa gita, e se soffrite di claustrofobia è sicuramente meglio starne alla larga.
Lasciamo il sito minerario perplessi e torniamo verso Cracovia, dobbiamo riprenderci da una parziale delusione e vogliamo farlo a modo nostro: con l’ultima cena presso il ristorante della prima sera, la nostra strategia storica per lasciare una città con un buon ricordo (torniamo sempre nel locale che c’è piaciuto di più nei giorni precedenti). Purtroppo, però, ci aspetta una mazzata terribile: sono le 19.00 quando entriamo da Golonkarnia, il locale è già pieno e non accetta altre prenotazioni! Torniamo in hotel e facciamo chiamare anche da loro ma niente da fare! La prima cena infrasettimanale ci ha decisamente fuorviato, pensavamo che non fosse un posto frequentato e invece…
Ma non è finita, perché una volta in stanza facciamo una grande selezione di ristoranti e chiediamo alla reception di prenotare per noi: niente, tutto pieno! Anche quelli suggeriti dall’hotel. Quindi il consiglio importante che posso dare è sicuramente di prenotare un tavolo in anticipo se volete cenare in un buon ristorante di Cracovia durante il fine settimana!
Allora decidiamo di tornare in centro, provare di persona qualche incursione ma dopo qualche tentativo dobbiamo desistere: non c’è posto da nessuna parte. Per fortuna questo è il periodo perfetto per non restare a digiuno, al freddo, in mezzo alla strada perché i mercatini di Natale tornano in nostro soccorso: anche qui c’è molta più gente ed è difficile anche riuscire a ordinare, alla fine prendiamo un spiedino di carne (36 Zl, 8.15 Eu. Anche i prezzi sono lievitati!) con un buon formaggio arrosto. Ci è piaciuto così tanto l’oscypek che nei compriamo sei da grigliare a casa (20 Zl, 4.50 Eu), anche se l’aroma che lascerà in valigia resterà per sempre.
Dopo la cena volante, andiamo in uno degli angoli della piazza dove c’è la pasticceria Harlekin per assaggiare le sue torte che pare siano magnifiche, ma sono le 22.00 e sta chiudendo: niente da fare! Qua è sempre più chiaro che ci tocca tornare a Cracovia…
Alla fine chiudiamo i nostri giri da Nowa Prowincja, che di “nuowo” ha solo il nome: è un altro locale in stile vintage (l’ennesimo, si può dire?) con i muri scarabocchiati e i divani rotti. Sempre alternativo, eh! Però – per dirla tutta – dopo un po’ mi fa le stesso effetto che fa la musica balcanica a Elio e le Storie tese: avete presente? 😉 Comunque, anche qui tutto “fai da te”, ordini e poi ti chiamano con una campanella, così al nostro tavolo mi servo una crema brulé, un toast e due birre medie (32 Zl, 7.25 Eu).
Riprendiamo l’ultimo tram in direzione hotel e chiudiamo la giornata e il viaggio con un pizzico di amaro in bocca per le occasioni mancate: la prossima volta a Cracovia si prenota tutto prima, anche i ristoranti! 😉

Quanto abbiamo camminato oggi? 10,6 km

 

10/12 Cracovia – Roma

 

Sono stati giorni movimentati, ci siamo spostati e abbiamo dovuto organizzare un po’ di cose per le escursioni fuori Cracovia perciò, seppure con mezza giornata a disposizione, oggi abbiamo deciso di dedicarla al relax e a ritmi meno frenetici.
Quindi al risveglio ci prendiamo un lungo momento per goderci l’ultima favolosa colazione del Niebieski, rifacciamo le valigie e chiamiamo direttamente Uber per andare in aeroporto in anticipo e fare lì le ultime compere: in particolare vogliamo cercare quel liquore alla ciliegia che ci è piaciuto molto, e non potendo imbarcare la bottiglia dobbiamo acquistarla dopo aver superato i controlli di sicurezza.
Abbiamo ancora 50 Zl (11.30 Eu) da spendere e alla fine li investiremo tutti in questa bottiglia, un succo di mirtilli bio e una confezione di salamini polacchi. Ormai è chiaro: in Polonia abbiamo un buon potere di acquisto, alla fine ho pagato solo due cene e i souvenir con carta di credito ma per tutto il resto del soggiorno sono bastati i 500 zloty cambiati all’inizio. Anzi, ne sono bastati 450 visto che gli ultimi li abbiamo spesi in aeroporto per non cambiarli di nuovo.
Purtroppo, nonostante l’anticipo e il check-in online, Ryanair ci fa il solito scherzetto dei “primi 90” all’imbarco per cui ci stivano il bagaglio a mano e siamo costretti ad attenderlo sul nastro di Ciampino.
Poco male, non ci vorrà molto e riempiremo l’attesa con le prime riflessioni e un bilancio che già si delineava ieri sera: Cracovia è proprio bella! Piena di storia, cultura, chiese, monumenti. Ci sono tante cose belle da vedere e interessanti da scoprire, si mangia molto bene e prima o poi ci torneremo. L’abbiamo vista in un periodo dell’anno particolare, con la neve e i mercatini di Natale, ma sicuramente in primavera, con il sole, il cielo azzurro e i parchi in fiore diventerà ancora più bella. Arrivederci Krakow 😉

Ma alla fine, quanto abbiamo camminato? 41,3 km

 

Note
Hotel prenotato su Booking
Guida di riferimento: Cracovia di Lonely Planet
Libro letto su Kindle: Anus Mundi – Cinque anni ad Auschwitz-Birkenau di Wieslaw Kielar