Ex Blogger

Diari di viaggio di Luigi De Luca. Travelblogger dal 2006

Come organizzare un viaggio in Perù

by Luigi De Luca on 22 settembre 2018

Viaggio in Perù

Il Perù visto dalla Treccani

Ci siamo: stavolta tocca al viaggio in Perù.
L’anno scorso prima di partire ho scritto un post per organizzare un viaggio in Giappone ed è andato molto bene, sia il post sia il viaggio!
Così, quest’anno, ho pensato di fare la stessa cosa, in questo modo il diario di viaggio nella terra degli Inca sarà più asciutto e senza interruzioni dedicati all’organizzazione.

Questo viaggio in Perù è stato proposto da Federica, era un viaggio che voleva da fare da tempo e ce lo siamo regalati per i suoi 30 anni. Conosciamo tante persone che hanno visitato questo Paese e ci siamo confrontati spesso con questi viaggiatori per preparare il nostro itinerario e ricevere qualche dritta.

Il livello di difficoltà non è stato elevato come per il Giappone ma ci sono diverse cose da mettere a punto per assemblare tutto in solitaria. Noi avevamo a disposizione quindici giorni e nel decidere le cose principali da vedere abbiamo scoperto che la nostra idea di itinerario è un percorso molto battuto, conosciuto come Gringo Trail, e questo la dice lunga sulla provenienza dei viaggiatori che ci hanno preceduto lungo le strade del Perù 🙂

Il nostro viaggio in Perù sarà un anello che inizia e si chiude a Lima, la capitale. Nel mezzo prenderemo bus, auto, treni, imbarcazioni e un volo interno.

 

*** AGGIORNAMENTO NOVEMBRE 2018 ***

Il diario di viaggio scritto per il seguente itinerario è disponibile nel post dedicato, buona lettura! 🙂

L’itinerario

Dopo il primo giorno di ambientamento a Lima, il primo bus ci porterà fino a Paracas, da qui faremo escursione alle Isole Ballestas (le Galapagos peruviane). Poi raggiungeremo ancora in bus Nazca per ammirare le famose “linee” e da qui un bus notturno ci porterà fino ad Arequipa. Il tempo di recuperare le forze un paio di giorni e proseguiamo verso Puno, sul lago Titicaca. Qui trascorreremo una notte con una famiglia Uros su un’isola galleggiante e il giorno successivo visiteremo l’isola Taquile prima di tornare sulla terraferma. L’ultimo tour de force prevede un bus per Cuzco, l’antica capitale Inca, e due giorni immersi nella storia e nei siti archeologici. L’ultimo giorno ci trasferiremo in macchina attraverso la Valle Sacra fino alla stazione di Ollantaytambo dove ci aspetta il treno che ci porterà ad Aguas Caliente, la località di riferimento per visitare il complesso del Machu Picchu: il gran finale di questo viaggio. Da Aguas faremo il percorso inverso di nuovo verso Cuzco dove prenderemo il volo che ci riporterà a Lima per poi rientrare in Italia.

In Perù ci sono veramente tante cose da vedere, con paesaggi e climi che variano per ogni punto cardinale. Noi abbiamo scelto un percorso classico tra storia e natura, ci siamo concentrati sui siti archeologici e paesaggi spettacolari che vanno dal mare all’alta montagna. Non faremo il versante amazzonico che richiede qualche giorno in più, magari una prossima volta… 😉

Sitografia e Bibliografia

Per comporre l’itinerario di questo viaggio in Perù abbiamo incrociato diverse ricerche online e ascoltato soprattutto tanti pareri e consigli di altri viaggiatori.
Per la mia generazione è stata un po’ una destinazione da passaggio rituale tra la fine degli anni ’90 e inizi 2000. Io ho perso quel treno e lo recupero adesso che ho superato quota 40: è tempo di riprendere lo zaino 😀

Quindi ringrazio Paki, Cato e So’, Sonia, Gil e Gaia per i loro racconti. E soprattutto Miriam perché con i suoi sette mesi trascorsi da volontaria in Perù nel 2016 ci ha dato consigli più approfonditi e aggiornati 😉

Online abbiamo trovato come sempre grandi spunti, sia per la fase di studio e preparazione sia per richiedere informazioni e procedere con prenotazioni dirette.

Le risorse che abbiamo usato e che potrebbero tornare utili ad altri viaggiatori sono le seguenti:

  • Guida Lonely Planet Perù, disponibile su Amazon
  • Non viaggio abbastanza: ottima fonte di ispirazione per programmare un viaggio di due settimane
  • Carapau Costante: altro diario di viaggio asciutto ed essenziale
  • Evaneos: un tour operator sartoriale che ha un ottimo customer care
  • Cruz del Sur: la compagnia che abbiamo scelto per tutti i trasferimenti in bus (prenotabili online)
  • Marca Perù: il portale ufficiale del turismo (in italiano)
  • Perù Rail: per acquistare i biglietti del treno per Aguas Caliente (Machu Picchu)
  • Peruvian Air Line: biglietti volo interno Cuzco-Lima
  • Tutti gli alloggi sono stati prenotati su Booking

Machu Picchu: biglietti e prenotazione 

Un paragrafo a parte per il sito archeologico protagonista di questo viaggio: Machu Picchu.
L’antica fortezza Inca scoperta da Hiram Bingham agli inizi del ‘900 attira moltissimi turisti impegnati in un viaggio in Perù, così per evitare danni ambientali gli accessi sono stati limitati a 2500/3000 visitatori al giorno in media (dipende dal periodo).
Quindi per prenotare il biglietto bisogna avere le idee chiare su cosa vedere e in quale giorno e fascia oraria si desidera entrare, per verificare la disponibilità.
Le variabili sono diverse e bisogna combinare bene tutto per ottenere il prezzo finale che varia in base alle preferenze scelte.

Ci sono tariffe scontate per studenti e peruviani ma non appartenendo a nessuna di queste categorie, abbiamo acquistato un biglietto intero con queste caratteristiche:

– Ingresso Machu Picchu: turno 06:00 – 12:00
– Salita Wayna Picchu: turno 10:00 – 11:00

La spesa finale è stata di 208 Soles a persona (circa 54 Eu.).

Si può comprare anche solo il biglietto per Machu Picchu con una decina di Euro in meno, noi ci abbiamo aggiunto la salita al monte Wayna – quel cucuzzolo che si vede sullo sfondo in tutte le foto che ritraggono la vista panoramica di Machu Picchu – perché deve essere adrenalinica e spettacolare.

Per questa estensione il limite giornaliero scende a soli 200 posti, quindi è meglio prenotare per tempo!

Il sito che abbiamo usato per le prenotazioni è Biglietto Machu Picchu autorizzato e connesso al Ministero della Cultura per avere aggiornamenti in tempo reale sui posti disponibili.

Cose da sapere

Per tutti i dettagli su come comportarsi, cosa vedere e fare durante un viaggio in Perù, oltre ai siti indicati si può sempre contare su una buona guida di viaggio.
Di seguito riassumo alcune informazioni essenziali che possono servire durante la preparazione dell’itinerario.

  • Documenti: passaporto valido ma nessun visto da chiedere in anticipo per permanenze inferiori ai 6 mesi
  • Una polizza di viaggio è sempre prudente averla
  • La corrente è 220V/60Hz con prese a lamelle. Adattatore/trasformatore obbligatorio!
  • La moneta è il Nuevo Sol (S). Un Euro sono circa 4 Sol
  • Le ore di fuso rispetto all’Italia sono sei, indietro. Sette se da noi c’è l’ora legale
  • La guida è a destra ed è pericolosa, non è consigliato il noleggio di auto…
  • Il meteo: dipende dove andate e in che periodo
  • Prima di partire ricordate sempre di registrarvi sul sito della Farnesina, Dove siamo nel mondo

 

Ok. Per adesso è tutto, il resto arriverà al ritorno, più o meno verso la fine di Ottobre. Di sicuro la data della partenza è fissata: 1 Ottobre 2018! 😉

 

*** AGGIORNAMENTO NOVEMBRE 2018 ***

Questo viaggio è andato molto bene e l’itinerario descritto è riuscito perfettamente. Il diario di viaggio in Perù completo, con l’itinerario giorno-per-giorno, è disponibile nel post dedicato. Buona lettura! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WordPress SEO fine-tune by Meta SEO Pack from Poradnik Webmastera