Tag: Organizzare viaggio USA

Come organizzare un viaggio in USA: da Los Angeles al Grand Canyon

Viaggio in USA
Gli Stati Uniti visti dalla Treccani

Negli ultimi anni ho scritto un paio di post per organizzare viaggi dall’altra parte del mondo: documenti, visti, cambi, hotel, itinerari, ecc…
Così, dopo gli articoli su come organizzare un viaggio in Giappone e uno in Perù, questa volta dedico il post alla prossima destinazione: gli Stati Uniti.

Il mio sesto viaggio in USA mi riporterà per la terza volta in alcune località che mi hanno impressionato e che rivedo sempre con piacere.
L’occasione di questo ritorno me l’ha data l’esame di maturità di mio nipote Lorenzo. Nel 2006 tornavo da un grandioso viaggio lungo la Route 66 e gli feci una promessa: “Se sarai promosso tutti gli anni fino alla maturità, ti porterò negli USA”.
E così, dopo 13 anni, la tanto attesa maturità è arrivata (con un bel 93) e finalmente onoro la mia promessa: zio e nipote, si parte! 😉

L’itinerario

Ci siamo preparati un bel fly and drive molto serrato, che abbina grandi metropoli agli spazi incontaminati dei parchi americani.
Dopo l’atterraggio a Los Angeles, ritiriamo subito la macchina prenotata con Alamo e ci spostiamo verso San Diego dove resteremo due notti. Da San Diego percorreremo la linea di confine con il Messico fino alle cinematografiche prigioni di Yuma e successivamente ci fermeremo a Cottonwood, nella Coconino National Forest, in Arizona. Da qui saremo abbastanza vicini per raggiungere la South Rim del Grand Canyon per poi ripiegare verso Flagstaff. Quando partiremo da Flagstsaff la mia promessa sarà definitivamente onorata: attraverseremo un lungo tratto della storica Route 66, passando per il mitico General Store di Hackberry, fino a Kingman. Da qui riprenderemo strade più veloci per raggiungere la frenetica Las Vegas. Dopo la capitale mondiale del gioco d’azzardo ritorneremo a Los Angeles per trascorrere gli ultimi giorni tra parchi a tema e relax oceanico.
Come dicevo nella premessa, è il mio terzo ritorno in questi luoghi e l’itinerario è venuto facile. Il consiglio in fase di preparazione è di scegliere tappe di massimo 500 chilometri con cose da vedere nel mezzo. Se due destinazioni finali sono molto lontane, tra gli 800 e i 900 chilometri, vale sempre la pena cercare qualcosa nel mezzo e fare una tappa intermedia.

Sitografia e Bibliografia

Per comporre l’itinerario di questo viaggio in USA ho fatto meno ricerche del solito perché ero avvantaggiato dalle esperienze precedenti. Quindi questa volta la sitografia sarà piuttosto autoreferenziale 🙂

Le risorse che ho usato online e che potrebbero tornare utili ad altri viaggiatori sono queste:

Cose da sapere

Organizzare un viaggio in USA è facile, basta avere le idee chiare su cosa vedere.
Tante informazioni utili sono raccolte nelle indispensabili guide stampate, in questo ultimo paragrafo elenco solo alcuni dettagli di base che è molto importante conoscere prima di partire.

  • Documenti: i cittadini italiani che programmano un viaggio inferiore ai 90 giorni, possono visitare gli USA con un passaporto a lettura ottica (o biometrico) valido. Grazie al Visa Waiver Program possono ottenere una sorta di “visto leggero” noto come ESTA. Costa 14 dollari, vale due anni ed è obbligatorio. Dove fare l’ESTA per gli USA? Facile, sul sito ufficiale ESTA.
  • Una polizza di viaggio è sempre prudente averla, in USA e in qualsiasi altro Paese.
  • La corrente è 110V: adattatore/trasformatore obbligatorio!
  • La moneta è il Dollaro ($). Un Euro sono circa 1.10 dollari.
  • Le unità di misura sono diverse dalle nostre: miglia, galloni, once, Fahrenheit. Per non impazzire basta munirsi di un convertitore 😉
  • Le ore di fuso rispetto all’Italia cambiano in base alle destinazioni. In California saranno 9 ore indietro rispetto all’Italia.
  • Il meteo: variabile in base alle zone e da consultare sui siti internet prima di partire, per preparare la valigia. Poi giorno per giorno basta accendere la TV, in USA impazziscono per le previsioni del tempo!
  • Prima di partire ricordate sempre di registrarvi sul sito della Farnesina, Dove siamo nel mondo.

Ok. Per adesso è tutto, il diario vero e proprio arriverà verso la metà di Settembre.
Cara Route 66, non c’è due senza tre… sto arrivando! 😉